Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E

STAGE LINGUISTICO A CANTERBURY A.S. 2015-2016

Durante l’a.s. 2015-2016 la Commissione Viaggi dell’Istituto Paritario “S.Freud” ha offerto ai propri studenti degli indirizzi Tecnico Economico Turismo e Tecnico Tecnologico Informatico la preziosa opportunità di uno Stage Linguistico, della durata di due settimane a Canterbury, accogliente cittadina della contea del Kent, a sud est dell’Inghilterra. Lo stage si è tenuto dal 24 aprile al 7 maggio 2016.

Gli studenti hanno avuto modo di seguire un valido e intenso corso di studio di inglese, tenuto da insegnanti madrelingua, presso l’Istituto accreditato Concorde International, il quale ha rilasciato alla fine del corso un attestato riconosciuto di partecipazione allo Stage, in una giornata dedicata a seguito di una interessante esposizione dei progetti realizzati dai ragazzi, durante la seconda parte del percorso didattico proposto. Originale e apprezzata da tutti noi la volontà dell’Istituto di non precludere ai ragazzi anche esperienze a diretto contatto con la popolazione locale, come dimostrato con la proposta laboratoriale di svolgere un sondaggio d’opinione per le vie di Canterbury.

La formula scelta è stata quella, ormai collaudata, del soggiorno in pensione completa (breakfast, packed lunch e dinner), in virtù della quale gli studenti sono stati accolti amichevolmente dalle Host Family e per tutta la durata dello Stage hanno avuto l’opportunità di conoscere la realtà locale a 360 gradi.

Gli studenti, inoltre, hanno potuto contare sull’assistenza e supervisione continua delle insegnanti accompagnatrici, Prof.ssa Bruno, Ferro e Tremolada.

Di seguito la testimonianza della Prof.ssa Maria Rita Bruno.

Lo Stage Linguistico è una preziosissima opportunità per tutti noi: innanzitutto per i nostri cari ragazzi, che hanno avuto l’occasione di testare la loro conoscenza della lingua, imparare molte cose della cultura inglese, con cui sono stati per tutta la durata a strettissimo contatto. Naturalmente anche per noi è stata un’occasione irrinunciabile di crescita e scambio con i nostri studenti. A loro abbiamo dedicato tutte le nostre energie in queste giornate, e siamo state ripagate con la grande soddisfazione di vederli felici e inseriti in quello che è un importante progetto didattico, per la riuscita del quale tutti noi ci siamo spesi senza riserve.

La scelta di Canterbury si è rivelata vincente: una piccola cittadina, nella quale la storia e la cultura si fondono con una bellezza paesaggistica tipica della campagna inglese, ha regalato ai nostri studenti una splendida location per la loro esperienza didattico – culturale.

I ragazzi sono stati accolti dalle famiglie, ne sono entrati a far parte, stringendo legami che, con un pizzico di fortuna, riusciranno a mantenere, nonostante la distanza, grazie a internet e ai social network. Le famiglie, selezionate e controllate, sono state un valido banco di prova, presso il quale i ragazzi hanno potuto testare sul campo le loro conoscenze linguistiche, una sorta di “palestra”, che ha fornito loro il giusto allenamento quotidiano, poiché l’inglese, in quanto lingua viva, ha necessità di essere praticata, oltre che semplicemente studiata.

Ogni giorno gli studenti hanno svolto le loro ore di lezione durante la mattinata, presso i locali del Concorde International, che vanta diverse sedi (da quelle in edifici storici a quelle più moderne) sul territorio cittadino e che, per questa ragione, ha offerto loro l’opportunità di esplorare Canterbury e conoscerla meglio. Alla fine delle lezioni, la giornata ha sempre offerto attività didattiche o culturali, alle quali i ragazzi hanno preso parte con interesse. Alcune, tra le più apprezzate sono state: la visita alla splendida Cattedrale, in stile gotico inglese, nella quale fu assassinato Becket, nel 1170; il river tour in barca sul fiume Stour, che attraversa la città; la visita al Roman Museum e al Canterbury Tales Museum; le gite al mare (Broadstairs, Whisteble), che sono diventate un appuntamento atteso dai ragazzi, grazie anche alle splendide giornate che le hanno accompagnate.

Il fine settimana è stato dedicato alle escursioni presso due città che ci hanno offerto indimenticabili emozioni: Dover, con il suo affascinante Castello altomedievale, arroccato su una collina, e le Bianche Scogliere; Londra, poliedrica e multiforme capitale europea, spunto sempre vivo per visite culturali e divertenti. Entrambe le uscite hanno entusiasmato i nostri ragazzi, che hanno partecipato con interesse e allegria.

Non sono mai mancati momenti goliardici, e questo fa parte del gioco, né situazioni in cui docente e studente entrano in una tale sintonia che, anche una volta tornati in aula, illumina tutto con una luce più bella, più calda. Incrociare vicendevolmente gli sguardi è il modo migliore per capire quanto i rapporti si siano cementati, attraverso la condivisione di questa esperienza.

Quando è, infine, giunto il momento di decollare nuovamente per Milano, tutti noi ci siamo voltati a guardare i tulipani che colorano la primavera di Canterbury e l’abbiamo salutata già quasi con nostalgia, come si saluta un posto in cui si è stati bene.

Non posso che ringraziare la Scuola per la meravigliosa opportunità di crescita, professionale, didattica, umana, che ha offerto a tutti noiLeggere negli sguardi dei nostri ragazzi la stessa gioia è stata una grande soddisfazione”.

 

Guarda il VIDEO! clicca qui!!

 

 


Istituto Paritario S. FreudScuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: info@istitutofreud.it

Cristian Pineda

10/05/2016

In queste due settimane abbiamo imparato nuovi cibi, abbiamo conosciuto nuovi amici o avvicinato ad amicizie che già c’erano. Come tutte le belle esperienze, al ritorno il tempo sembra sia passato troppo velocemente. Consiglio vivamente un’esperienza di questo tipo.

Denis Skendaj

10/05/2016

Queste due settimane mi sono divertito, nonostante gli imprevisti. È stata un’esperienza che mi ha fatto conoscere di più i miei compagni e il paese estero.

Iacopo Lorusso

10/05/2016

Queste due settimane sono passate molto velocemente e, nonostante sia contento di tornare a casa, un po’ mi dispiace lasciarmi dietro la bellezza di Canterbury e tutti i bei momenti passati con amici e professori. Viaggio organizzato molto bene, host family perfetta, e gli insegnanti inglesi mi hanno dato molto. Addio Canterbury.

Famiglia Misani

09/05/2016

Buongiorno, mia figlia Chiara della 1 turismo è tornata soddisfatta e contenta. Unica lamentela il cibo che la famiglia forniva alle ragazze. Poco e di pessima qualità. Per il resto è stato tutto ok . Anche noi genitori ci riteniamo soddisfatti.

Famiglia Arraiz

09/05/2016

Buonasera,
Vi ringrazio per l'opportunità di condividere un riscontro sull'esperienza a Canterbury anche da parte di noi genitori, ovviamente basata su racconti, vissuti ed emozioni dei nostri ragazzi.
Desidero anzitutto esprimere un profondo ringraziamento, oltre che alla Direzione dell'Istituto per la proposta e l'organizzazione impeccabili, alle tre Insegnanti accompagnatrici, le Professoresse Bruno, Ferro e Tremolada (in ordine rigorosamente alfabetico).
La presenza, la disponibilità e la competenza delle insegnanti hanno impresso un segno distintivo al soggiorno, rappresentando sempre un punto di riferimento non solo didattico ma anche emotivo per gli studenti.
Per Julia e per noi genitori l'esperienza si è rivelata estremamente positiva, direi superiore alle aspettative.
Devo ammettere che Julia era molto perplessa ed un po' preoccupata prima di partire. La (purtroppo) scarsa adesione della sua classe (II Turistico) ed il timore di confrontarsi con un'esperienza per lei nuova (il soggiorno in famiglia) stavano per dissuaderla. Abbiamo dovuto insistere non poco per riuscire a convincerla a partire.
La soddisfazione più bella è stata la sua voce al telefono, dopo i primi giorni di " rodaggio" che mi diceva " Grazie mamma per avermi convinto a venire, è un'esperienza bellissima! Pensare che non volevo proprio partire!
Credo che in queste parole, sicuramente sincere ( non è facile per un adolescente ammettere di aver cambiato opinione!) si possa riassumere il senso dell'esperienza.
Tutto positivo, oltre alle insegnanti, come già detto, la famiglia particolarmente accogliente, il corso di inglese efficace e l'organizzazione del tempo libero con gite ed escursioni divertente e valido culturalmente.
Continuate così!
Fondamentale in un percorso di crescita culturale dei ragazzi è l'apertura al mondo e la condivisione di nuove esperienze.
Siamo davvero contenti!
Julia è tornata serena e sicuramente più sicura di se'.
Ottima idea proporre il viaggio-studio durante il periodo scolastico, come parte integrante del progetto didattico.
Spero ora che Julia riesca a mantenere e coltivare le buone relazioni coi compagni che è riuscita ad instaurare.
Bilancio estremamente soddisfacente!

Famiglia El Sheimy

08/05/2016

Spettabile Istituto,

ci riteniamo pienamente soddisfatti, è stata una esperienza assolutamente bellissima.
Vorremmo complimentarci con voi ma soprattutto con le docenti che sono state davvero eccezionali in tutti i sensi. L'organizzazione è stata perfetta e completa.
Unica nota dolente è stata la famiglia, come abbiamo già avuto modo di far presente, che si è mostrata assolutamente poco cordiale, poco presente, non comunicativa e assolutamente non coinvolgente. Rispetto agli altri anni, questo aspetto è stato deludente ma sicuramente non può e non deve invalidare quanto di bello è stato fatto.
Complimenti sinceri e grazie per questa grande opportunità

Famiglia Caminati

08/05/2016

Salve,
siamo i genitori di Chiara Caminati, per nostra figlia questo viaggio è stata la sua prima esperienza all'estero da sola.
Si è trovata bene con la famiglia ospitante e con la scuola.
Un ringraziamento a tutte le professoresse per il loro grande impegno nel seguire tutti i ragazzi e grazie ancora alla Prof. Ferro che ha aiutato Chiara in alcuni momenti di bisogno.

Famiglia Arturi

07/05/2016

Per me è stata un esperienza utilissima sicuramente di crescita (soprattutto per Niccolò), non so se per la lingua solo 15 giorni e per la prima volta serviranno a molto ma è senz’altro utile confido che con la ripetizione ogni anno di tale esperienza ora del quinto anno possano sapere qualcosina in più..... Vorrei sapere come le insegnanti si siano trovate..... spero abbiano anche loro voglia di replicare.... Per quanto riguarda l’organizzazione penso che le lamentele dei miei figli a caldo appena atterrati, fossero dettate dalla stanchezza e dalla fame....

Famiglia Turatti

07/05/2016

Buongiorno,
il mio giudizio in merito al viaggio studio a Canterbury è sicuramente positivo, sia per l' organizzazione che per il corpo docente che ha accompagnato i ragazzi, assumendosi una importante responsabilità.
L ' unico appunto che vorrei fare è quello di esercitare in maniera sempre più capillare la scelta delle famiglie ospitanti, qualche ragazzo non è stato fortunato nell'assegnazione.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

INVIA COMMENTO