Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

STAGE LINGUISTICO A CANTERBURY A.S. 2015-2016

Durante l’a.s. 2015-2016 la Commissione Viaggi dell’Istituto Paritario “S.Freud” ha offerto ai propri studenti degli indirizzi Tecnico Economico Turismo e Tecnico Tecnologico Informatico la preziosa opportunità di uno Stage Linguistico, della durata di due settimane a Canterbury, accogliente cittadina della contea del Kent, a sud est dell’Inghilterra. Lo stage si è tenuto dal 24 aprile al 7 maggio 2016.

Gli studenti hanno avuto modo di seguire un valido e intenso corso di studio di inglese, tenuto da insegnanti madrelingua, presso l’Istituto accreditato Concorde International, il quale ha rilasciato alla fine del corso un attestato riconosciuto di partecipazione allo Stage, in una giornata dedicata a seguito di una interessante esposizione dei progetti realizzati dai ragazzi, durante la seconda parte del percorso didattico proposto. Originale e apprezzata da tutti noi la volontà dell’Istituto di non precludere ai ragazzi anche esperienze a diretto contatto con la popolazione locale, come dimostrato con la proposta laboratoriale di svolgere un sondaggio d’opinione per le vie di Canterbury.

La formula scelta è stata quella, ormai collaudata, del soggiorno in pensione completa (breakfast, packed lunch e dinner), in virtù della quale gli studenti sono stati accolti amichevolmente dalle Host Family e per tutta la durata dello Stage hanno avuto l’opportunità di conoscere la realtà locale a 360 gradi.

Gli studenti, inoltre, hanno potuto contare sull’assistenza e supervisione continua delle insegnanti accompagnatrici, Prof.ssa Bruno, Ferro e Tremolada.

Di seguito la testimonianza della Prof.ssa Maria Rita Bruno.

Lo Stage Linguistico è una preziosissima opportunità per tutti noi: innanzitutto per i nostri cari ragazzi, che hanno avuto l’occasione di testare la loro conoscenza della lingua, imparare molte cose della cultura inglese, con cui sono stati per tutta la durata a strettissimo contatto. Naturalmente anche per noi è stata un’occasione irrinunciabile di crescita e scambio con i nostri studenti. A loro abbiamo dedicato tutte le nostre energie in queste giornate, e siamo state ripagate con la grande soddisfazione di vederli felici e inseriti in quello che è un importante progetto didattico, per la riuscita del quale tutti noi ci siamo spesi senza riserve.

La scelta di Canterbury si è rivelata vincente: una piccola cittadina, nella quale la storia e la cultura si fondono con una bellezza paesaggistica tipica della campagna inglese, ha regalato ai nostri studenti una splendida location per la loro esperienza didattico – culturale.

I ragazzi sono stati accolti dalle famiglie, ne sono entrati a far parte, stringendo legami che, con un pizzico di fortuna, riusciranno a mantenere, nonostante la distanza, grazie a internet e ai social network. Le famiglie, selezionate e controllate, sono state un valido banco di prova, presso il quale i ragazzi hanno potuto testare sul campo le loro conoscenze linguistiche, una sorta di “palestra”, che ha fornito loro il giusto allenamento quotidiano, poiché l’inglese, in quanto lingua viva, ha necessità di essere praticata, oltre che semplicemente studiata.

Ogni giorno gli studenti hanno svolto le loro ore di lezione durante la mattinata, presso i locali del Concorde International, che vanta diverse sedi (da quelle in edifici storici a quelle più moderne) sul territorio cittadino e che, per questa ragione, ha offerto loro l’opportunità di esplorare Canterbury e conoscerla meglio. Alla fine delle lezioni, la giornata ha sempre offerto attività didattiche o culturali, alle quali i ragazzi hanno preso parte con interesse. Alcune, tra le più apprezzate sono state: la visita alla splendida Cattedrale, in stile gotico inglese, nella quale fu assassinato Becket, nel 1170; il river tour in barca sul fiume Stour, che attraversa la città; la visita al Roman Museum e al Canterbury Tales Museum; le gite al mare (Broadstairs, Whisteble), che sono diventate un appuntamento atteso dai ragazzi, grazie anche alle splendide giornate che le hanno accompagnate.

Il fine settimana è stato dedicato alle escursioni presso due città che ci hanno offerto indimenticabili emozioni: Dover, con il suo affascinante Castello altomedievale, arroccato su una collina, e le Bianche Scogliere; Londra, poliedrica e multiforme capitale europea, spunto sempre vivo per visite culturali e divertenti. Entrambe le uscite hanno entusiasmato i nostri ragazzi, che hanno partecipato con interesse e allegria.

Non sono mai mancati momenti goliardici, e questo fa parte del gioco, né situazioni in cui docente e studente entrano in una tale sintonia che, anche una volta tornati in aula, illumina tutto con una luce più bella, più calda. Incrociare vicendevolmente gli sguardi è il modo migliore per capire quanto i rapporti si siano cementati, attraverso la condivisione di questa esperienza.

Quando è, infine, giunto il momento di decollare nuovamente per Milano, tutti noi ci siamo voltati a guardare i tulipani che colorano la primavera di Canterbury e l’abbiamo salutata già quasi con nostalgia, come si saluta un posto in cui si è stati bene.

Non posso che ringraziare la Scuola per la meravigliosa opportunità di crescita, professionale, didattica, umana, che ha offerto a tutti noiLeggere negli sguardi dei nostri ragazzi la stessa gioia è stata una grande soddisfazione”.

 

Guarda il VIDEO! clicca qui!!

 

 


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Simone Turatti

12/05/2016

Secondo me è stata una bella esperienza, però molto faticosa. Io avrei visitato più cose a Londra, però eravamo in molti, quindi va bene così. Di sicuro ho imparato nuove cose, riguardo il paese e le usanze e ho avuto la possibilità di migliorare l’inglese.

Luca Schiavone

12/05/2016

Ho passato una bella esperienza a Canterbury, con la scuola. Mi sono piaciute le gite che abbiamo fatto e i musei che abbiamo visitato. E in quelle due settimane che abbiamo trascorso, mi sono molto divertito con la mia classe e ho anche conosciuto altre persone della nostra scuola. Sinceramente io mi aspettavo di capitare in una famiglia che mi coinvolgesse di più nelle loro abitudini. E mi è dispiaciuto, inoltre, non poter essere uscito più volte con gli altri miei compagni alla sera, ed essere costretto a passare tutta la sera solo con Omar a guardare la TV.

Paolo Malvaso

12/05/2016

Bella esperienza, sia per quanto riguarda l’aspetto storico e culturale, che per quanto riguarda la compagnia. Bei posti da visitare e un ambiente molto pulito.

Daniele Stravalaci

12/05/2016

Queste due settimane di vacanza studio sono state molto belle, passandole con gli amici e con dei Prof. molto simpatici. La scuola al mattino era sempre interessante e mi ha aiutato a imparare nuove cose, perfezionando il mio inglese. I pomeriggi passavano sempre velocemente, con le varie visite di cittadine, musei e la Cattedrale di Canterbury. Anche il weekend è stato interessante, con la gita a Londra e a Dover. Nel complesso, la gita mi è piaciuta e la consiglierei ai miei amici.

Daniele Pruneri

11/05/2016

Questo viaggio studio è stato bello, poiché gli altri anni avevamo fatto solo una settimana, mentre quest’anno due. I momenti divertenti ci sono stati sempre. Siamo entrati in Inghilterra con una certa conoscenza e ne siamo usciti pieni di informazioni.

Luca Scotti

11/05/2016

Ho trovato questo viaggio studio particolarmente interessante da tutti i punti di vista. Ho apprezzato molto le uscite pomeridiane nei musei e nei luoghi di interesse. Molto bella l’escursione a Dover e il suo castello. Bella anche la visita a Londra, anche se avrei preferito un Museo a Madame Tousseau. Anche il tempo da dedicare alla città è stato poco, in quanto un giorno non basta. Unica seccatura sono stati alcuni dei compagni di scuola, che si sono comportati come animali, per la maggior parte del tempo.

Giovanni Brunetti

11/05/2016

Oltre ad essermi divertito, a Milano mi porto nuove conoscenze e nuovi amici. Ringrazio di avere avuto l’opportunità di venire e di imparare meglio l’inglese. Ringrazio la Prof. Di avermi accompagnato. Torno a Milano felice e contento per aver imparato storie su una nuova città e avere migliorato il mio inglese.

Filiberto Cascone

11/05/2016

Questo viaggio, oltre ad essermi servito per migliorare il mio inglese, mi ha portato in una cittadina molto calma e pacifica, che ha riportato alla luce i ricordi di quando andai in Russia, tre anni fa, e ciò mi ha fatto molto piacere. Mi sono divertito molto, sia con i miei coinquilini che con i miei compagni di classe. Purtroppo, però, non ho potuto godermi queste due settimane interamente, per via di un accadimento negativo. Ma per il,resto è stato gradevole. Grazie anche a lei, Prof.

Famiglia Malvaso

10/05/2016

Scrivo con molto piacere queste poche righe. Credo ci sia davvero poco da aggiungere a quello che abbiamo visto negli occhi dei nostri ragazzi al rientro da questa bellissima, ricca e completa esperienza.
Mai come quest'anno le insegnanti sono state davvero brave nell'organizzare le uscite didattiche, senza risparmiarsi in disponibilità e tempo. Come genitore sono soddisfatta dell'esperienza fatta dal mio ragazzo e ringrazio tutti coloro che si sono adoperati per fare in modo che questo accadesse.
Cosa posso dire ancora? Continuate così per dare a tutti la possibilità di arricchire il proprio bagaglio di esperienza!

Riccardo Borsani

10/05/2016

Durante questo viaggio di due settimane a Canterbury, ho imparato molte parole, modi di dire, verbi, ecc… in inglese che prima non conoscevo. Le gite che abbiamo fatto sono state davvero interessanti e entusiasmanti, soprattutto grazie alle persone che sono venute insieme a me in questo viaggio. Spero di rifare un’esperienza simile a questa l’anno prossimo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

INVIA COMMENTO