Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

SCUOLA FREUD - ISTITUTO FREUD - SOLO QUANDO SUPERI LA PAURA DI LASCIARE IL PORTO, CAPISCI QUANTO È BELLO IL MARE

20 febbraio 2021

SCUOLA FREUD – ISTITUTO FREUD

Tecnico Tecnologico – Tecnico Economico – Liceo Economico Sociale

SOLO QUANDO SUPERI LA PAURA DI LASCIARE IL PORTO, CAPISCI QUANTO È BELLO IL MARE

A cura del Dott. Daniele Nappo

 

Quello che non si conosce fa paura, sì, l’ignoto, il nuovo, il diverso; se non fa parte della quotidianità, se rappresenta una novità, quasi sempre fa paura.

Tuttavia spesso la risoluzione alle nostre incertezze e ai nostri malesseri si trova distante da quello che conosciamo a memoria.

Dovrebbe essere scontato, perché se non si è soddisfatti della propria situazione di vita, verosimilmente la causa è da ricercare in ciò che si fa ogni singolo giorno, nella routine, nello stile di vita, nel lavoro, nel modo in cui si riempie il tempo libero. Non in quello che non si fa.

E dovrebbe essere ugualmente scontato che l’unico modo per uscirne è cambiare.  Liceo Scienze Umane Economico Sociale

Invece, ci comportiamo come se questa non fosse una verità, ma al massimo una seccante opinione. Continuiamo a piangere su quanto non siamo soddisfatti della nostra esistenza e poi continuiamo a ripetere ogni giorno le stesse azioni.

Questa stravaganza nasce dalla nostra incapacità di cambiare perché troppo spaventati dall’ignoto.

In fondo, cambiare significa rischiare. Lasciare la strada sicura, per quanto magari stancante o contrastante con la nostra natura, per andare a scoprire qualcosa che non si conosce per nulla.

C’è una bella metafora sul cambiare: è quella di un uomo inappagato che ha sempre vissuto su una piccola isola e ogni sera guarda il mare chiedendosi cosa ci sia oltre l’orizzonte. Ha una barca, sa che potrebbe lasciare il porto e andare a vedere il mondo oltre l’orizzonte. Sa che magari dall’altra parte troverà qualcosa di grandioso e migliore rispetto a ciò che ha in quel momento. Però non riesce a trovare il coraggio di partire. E così resta ancorato alla sua solita vita, quella che non lo rende felice ma almeno è sicura.  Liceo Scienze Umane Economico Sociale

Così la paura di azzardare si trasforma nell’impossibilità di realizzarsi completamente. Perché come puoi dire di esserti pienamente realizzato se non hai mai provato niente oltre a ciò che conosci da sempre.

Chi ha un animo da viaggiatore non ha paura del cambiamento. In fondo, viaggiare esprime proprio cambiare. Non solo luogo ma anche idea, abitudini, stile di vita, mentalità e punti di vista.

I viaggiatori sono propensi al cambiamento, non hanno paura di lasciare il porto sicuro per immergersi in situazioni completamente nuove.

Solo così si può capire che il proprio compimento ha una forma completamente diversa rispetto a quella sempre assegnata.

Buttarsi nelle opportunità che si presentano, nelle storie di vita, nei propri sogni, nelle pagine dei libri.  Liceo Scienze Umane Economico Sociale

In altre parole, non avere mai paura di lasciare il porto sicuro per andare a scoprire il mare.

La comfort zone non è sempre negativa: a tutti piace sentirsi a casa, che sia in un luogo che conosciamo da sempre o l’abbraccio delle persone che amiamo.

Ma diventa soffocante quando non consente scelte, quando ci porta a fare sempre le stesse cose e osservare lo stesso orizzonte ogni giorno.

C’è un mondo meraviglioso e pieno di opportunità fuori dalla routine. Ecco perché ogni tanto è bene rischiare e perdersi in quel mare che vediamo ogni giorno e non abbiamo il coraggio di sfidare.

Lanciarsi nel buio, fare una follia, mettersi alla prova, provare qualcosa che non si è mai provato prima. Ogni tanto è bene buttarsi e sentire il vuoto sotto i piedi. Sentire la paura, perché solo così si impara a starle di fronte. Essere costretti a contare solo su sé stessi, perché solo così si scopre di valere molto più di quanto ci abbiano mai detto.

È così che quel mare, che sembra tanto minaccioso e pericoloso, diventa meraviglioso quando è visto da vicino.

 


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


INVIA COMMENTO

Benvenuto

Vuoi ottenere informazioni sulle iscrizioni?

INFO ISCRIZIONI

Stai cercando informazioni sul nostro istituto?

RICHIEDI INFO

Vuoi candidarti per lavorare con noi?

CANDIDATI