SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.338 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

IL GIORNO - IL CURRICULUM DELLO STUDENTE SVALUTA LA SCUOLA - DOTT. DANIELE NAPPO

11 giugno 2021

In data 11 Giugno 2021, il quotidiano “Il Giorno” condivide le riflessioni del Dott. Daniele Nappo, Rappresentante Legale della Scuola Paritaria S. Freud di Milano, sull’introduzione da parte del Ministero dell’Istruzione, del Curriculum dello studente, per i candidati all’esame di stato conclusivo.

Sembra che oggi l’apprendimento debba essere finalizzato alla pura competizione.

In un anno a dir poco complicato, questa introduzione trasforma la scuola in promotrice di una rincorsa ad accaparrarsi titoli su titoli, certificazioni su certificazioni.

IL CURRICULUM DELLO STUDENTE SVALUTA LA SCUOLA

Entra in vigore un nuovo documento, allegato al diploma, che comprenderà dati, attività e progetti che gli studenti certificano di aver svolto negli ultimi tre anni di scuola.

Le informazioni saranno a disposizione della Commissione d’esame come nuovi elementi di valutazione. A cosa serve? Perché proprio da quest’anno? Sono le prime domande che tutti si sono fatti.

La gran parte di giovani e docenti hanno bocciato il documento, ritenendolo inutile e inopportuno.

Le scuole hanno ricevuto una nota ministeriale, il 2 aprile, in cui si è perentoriamente chiesto di procedere. La disposizione è arrivata in ritardo e non è chiaro il bisogno, in un biennio scolastico complesso, di introdurre una novità così importante e per di più a soli due mesi dalla Maturità.

È lapalissiano che la stragrande maggioranza di studenti non ha potuto svolgere attività extrascolastiche a causa del Covid. La decisione è perlomeno incoerente e le scuole ritengono che sia solo un ulteriore aggravio degli aspetti organizzativi e burocratici. Il curriculum dovrebbe servire agli studenti per presentarsi alle Commissioni d’esame, per far conoscere meglio il maturando. Peccato che quest’anno, come lo scorso, i commissari sono solo interni e quindi già conoscono i profili dei propri studenti.

In ogni caso il 60% dei ragazzi - in base a una campionatura a risposte multiple - lo ritiene selettivo, perché non mette tutti sullo stesso piano, oltre un 30% non ha nemmeno idea di come funzioni e un 15% non addirittura non ne conosce l’esistenza.

Regna l’incertezza. Il 69% pensa che questa novità non sia corretta nei tempi e nei modi, il 32% pensa che sia arrivato all’ultimo e il 35% pensa che il voto di Maturità debba basarsi solo sul rendimento scolastico; solo un 23% pensa che possa essere apprezzato l’impegno fuori da scuola e il 27% ritiene lo strumento funzionale. La responsabilità della scuola è sempre stata quella di formare persone e cittadini del futuro, ma sembra che oggi si chieda sempre più, invece, di scaraventare sul mercato del lavoro capitale umano: l’azienda che assume vuole sapere cosa compra e su cosa investe.

Sembra che oggi l’apprendimento debba essere finalizzato alla pura competizione.

In un anno a dir poco complicato, questa introduzione trasforma la scuola in promotrice di una rincorsa ad accaparrarsi titoli su titoli, certificazioni su certificazioni.

Siamo certi che sia il suo vero compito?

Dott. Daniele Nappo

Rappresentante Legale Scuola Paritaria S. Freud


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26/29 Milano – Viale Fulvio Testi, 7 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


INVIA COMMENTO

PARLA CON NOI

Chatta con noi Chatta con noi