Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

TECNICHE PER PARLARE IN PUBBLICO SENZA PAURA - SCUOLA TECNICA PARITARIA S. FREUD

30 maggio 2016

Un'interfaccia per Google Glass che ci dice se stiamo parlando troppo piano, forte o veloce. Senza disturbare

I Google Glass non è diventato, ancora, un oggetto della nostra quotidianità ,non capita, attualmente, di incontrare persone che fanno la spesa scandagliando le etichette attraverso il loro wearable device, o che pigiando leggeri sulla stanghetta cercano gli orari dell’autobus; intanto qualcuno che cerca di capire cosa farne c’è, ad esempio i ricercatori dello Human-Computer Interaction Group della University of Rochester. Che hanno sviluppato un’interfaccia utente che fornisce a chi indossa i GG un feedback tempestivo sul volume della sua voce e su quanto speditamente sta parlando.

Perché parlare in pubblico, inutile negarlo, intimorisce ancora un sacco di gente. Ed è una paura che prende il preponderanza se a un certo punto si abbassa il tono di voce e qualcuno urla “voce!” dal pubblico, se dopo i richiami lo si alza troppo, se si parla troppo rapidamente e ci si ingarbuglia. E che dire delle possibili applicazioni per quelle persone che hanno vere e proprie difficoltà sociali, ad esempio chi soffre di sindrome di Asperger? Lo scopo dell’interfaccia è proprio questo: chiamata Rhema (dalla parola greca per “discorso”) fornisce in tempo reale, e senza disturbare, tutte le indicazioni su come stiamo parlando. Rhema registra il nostro audio, lo recapita subito a un server che lo analizza e che presenta i risultati a chi parla (senza distrarlo e permettendogli di intervenire sul suo parlato).

Non è stato propriamente semplice elaborare l’interfaccia adatta, spiega Hogue insieme ai suoi studenti M. Iftekhar Tanveer ed Emy Lin, co-autori. “Una delle sfide è conservare chi parla informato sulla sua performance senza distrarlo dal parlare. Perché una distrazione può portare a comportamenti innaturali come balbettii o pause imbarazzanti. In più il display si trova vicino agli occhi, il che può portare inavvertitamente a spostare l’attenzione dal parlare al qualcos’altro”.

Sfide superate testando il sistema su trenta persone, in modo da ottenere il modo meno spiacevole per fornire loro feedback durante il parlato: colori diversi -stile semaforo-, parole e grafici, un display in continuo movimento. Ma il sistema più funzionale si è rivelato essere la comparsa (rapida, pochi secondi) dei suggerimenti sul display. Parla più piano, parla più forte, sei troppo veloce e così via. Per capire poi quale sarebbe la reazione di un pubblico all’ascoltare uno speaker -che non solo indossa dei Google Glass ma vi riceve informazioni che mette in pratica in tempo reale- i ricercatori hanno reclutato dieci lavoratori del Mechanical Turk.

“Volevamo avere una quotazione sulla spontaneità di chi parlava usando l’interfaccia, capire se secondo un ascoltatore faceva troppe pause o usava troppi intercalari, ma anche se riusciva a mantenere il contatto visivo in tutte le possibili condizioni: feedback rapidi, feedback continui, assenza di feedback”. Dall’esterno, pare, non si vedevano differenze sostanziali. Ma il prossimo passo è testare l’interfaccia di fronte a qualche membro di Toastmasters International, organizzazione educativa senza fini di lucro che lavora sull’aiutare i membri a parlare in pubblico e migliorare la propria comunicazione.


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

INVIA COMMENTO