Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

"Italiano 3.0: Mutamenti della lingua a seguito delle contaminazioni dell'attualità" Istituto S. Freud

2 maggio 2017

ITALIANO 3.0 - Analisi su alcuni mutamenti della lingua italiana contraddistinti dalla contaminazione dall'informatica, dalla musica, dal marketing e altro.

Che la lingua cambi nel corso del tempo pare essere un fatto appurato e confermato dagli studi di linguistica storica; si pensa che alcuni cambiamenti siano soggetti a raggiungere credito e fortuna, e quindi a consolidarsi, mentre altri restino confinati nel tempo, nello spazio e riguardino ad alcuni gruppi sociali, senza accrescere a livello più ampio nella lingua. Scuola Milano Paritaria Freud

Le innovazioni maggiori sul piano linguistico riguardano, in genere, i gerghi giovanili e il linguaggio pubblicitario, ma spesso queste modernità non si cristallizzano nel sistema linguistico, ponendosi piuttosto come mode passeggere. I gerghi giovanili ricavano solitamente a bacini provenienti da varietà linguistiche dialettali, da regionalismi e da prestiti e calchi rispetto a lingue straniere importanti; oggi è il caso dell'inglese.

I nativi digitali oltre a servirsi a prestiti, com'è accaduto e succede per qualsiasi altro gergo giovanile, si perfezionano in alcuni settori specifici dell'esperienza, caratterizzando il proprio codice di una valenza microlinguistica.

Si definisce micro lingua la lingua usata per settori specifici, solitamente specialistici o disciplinari che controlla lessico specifico, una propria profondità testuale e sintattica. Nel caso della lingua italiana impiegata da parte dei nativi digitali, si assiste al ricorso a prestiti dall'inglese, dai dialetti - la cui diffusione è più locale - e all'uso delle micro lingue, in proprio a quelle concernenti l’informatica, allo spettacolo e alla tecnologia.

Un altro aspetto tipico dell'italiano giovanile è l'utilizzo della micro lingua della musica, area particolarmente interessante per tutte le età, ma in misura maggiore nel corso della giovinezza.

Le parole riguardanti la tecnologia, allo spettacolo cinematografico-televisivo e alla musica possono essere impiegate al di fuori del contesto d'uso specialistico della lingua e diventare forme fisse per designare altri significati prossimi o simili. Scuola Informatica Milano 

Alcuni esempi suddivisi per area microlinguistica e per prestito linguistico:

  • Dall’informatica: "oggi sono in crash" (bloccato, ingessato, dal blocco del funzionamento di un sistema di elaborazione elettronica), "essere in loop" (fissato, maniacale, dalla reiterazione di sequenze di istruzione), "downloadare" (scaricare da Internet), "googlare" (cercare su Internet o su Google), "postare" (scrivere il proprio parere o stato d'animo);
  • Dalla musica: "Bello Figo ha dabbato la Mussolini" (proteggersi il viso con il gomito, allungando il braccio, muovendo l'altro braccio in parallelo e piegando la testa - da Dab Dance, branca dell'hip hop);
  • Dalla tecnologia: "essere flashato" (abbagliato, stordito);
  • Dall’inglese: "essere il top" (vetta, cima, super), "che trip!" (viaggio inteso come meccanismo di stupefazione), "fare after" (stare svegli fino al giorno dopo), "trollare" (disturbare con elementi estranei alla discussione), "stalkerare" (dall'inglese per prossimità, spiare qualcuno), "bro" (fratello, amico), "essere social" (dall'inglese per prossimità, essere socievole o avere amici sui social network);
  • Dal marketing: "fare terapia di groupon" (risparmiare, andare a risparmio, scegliere prodotti convenienti);
  • Dalla cinematografia e dallo spettacolo: "non spoilerare" (anticipare i contenuti guastando la sorpresa della visione).

Molte spiegazioni adottate dalle nuove generazioni sono destinate a incontrare fortuna nel corso di pochi anni, per spegnersi nell'uso in seguito.

Oltre a ricorrere ai prestiti, non mancano scelte interne al repertorio linguistico come "fare brutto" o "devastarsi", che designano il fatto di esagerare con gli alcolici, con le droghe o di eccedere rispetto alla stanchezza e alla tenuta fisica, quando si esce la sera. Il caso di "fare brutto" è particolarmente interessante sul piano linguistico, perché si tratta di una polirematica - una posizione fissa di parole, il cui senso non è desumibile dalla mera somma dei significati delle parole che la compongono.

Molti linguisti si soffermano sulla povertà linguistica e sulla deprivazione del repertorio lessicale delle nuove generazioni, trascurando la vitalità dei fenomeni dei linguaggi giovanili. Le criticità della lingua usata dai giovani non interessano tanto la povertà espressiva quanto la capacità di muoversi attraverso le varietà della lingua più formali e meno colloquiali; la convenienza di svincolarsi dal gergo e di attingere a tutte le possibilità offerte dai repertori della lingua. Tecnico Turismo Informatica Freud

Rispetto al ricorso al prestito si osservano generalmente due derive: la fobia o la mania - l'uso eccessivo del prestito laddove non necessario o la paura di adoperare una forma non appartenente al repertorio linguistico. Si ricorda che una lingua può dirsi viva quando accoglie un certo numero di prestiti e calchi da altre lingue; documentazione dello scambio con altre realtà culturali. Basti pensare ai prestiti che per secoli l'italiano ha elargito ad altre lingue (ad esempio "spaghetti", "minuetto", "ballata", "pizza").


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


INVIA COMMENTO