Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E

BULLISMO E CYBERBULLISMO - SCUOLA LICEO FREUD

15 maggio 2019

In data mercoledì 15 maggio 2019, tutti gli studenti delle classi 5^ degli indirizzi Scienze Umane, Informatica e Turismo parteciperanno ad un incontro formativo sul tema del Bullismo e del Cyberbullismo, tenuto da esponenti delle Forze dell’Ordine.

L’incontro si svolgerà presso i locali della Scuola, dalle ore 9 alle 11, in Aula Magna.

 

CONTENUTI

L’incontro verterà sulla disamina degli aspetti che caratterizzano i pericolosi fenomeni oggetto della conferenza, al fine di favorire una riflessione matura sul tema.

Con il termine bullismo s’intende un comportamento aggressivo ripetitivo nei confronti di chi non è in grado di difendersi. Infatti ciò che contraddistingue questo fenomeno è il rapporto asimmetrico esistente tra vittima e bullo: la prima è impossibilitata o non ha le abilità per far cessare l’atto aggressivo nell’immediato e il secondo compie l’atto volontariamente, quindi con l’intenzione di ferire o attuare un danno. Inoltre vi deve essere un’altra componente: quella della ripetitività.

Quindi uno studente è oggetto di azioni di bullismo, ovvero è prevaricato o vittimizzato, quando viene esposto, ripetutamente nel corso del tempo, alle azioni offensive messe in atto deliberatamente da uno o più compagni. Non si fa quindi riferimento ad un singolo atto, ma a una serie di comportamenti portati avanti ripetutamente, all’interno di un gruppo, da parte di qualcuno fa o dice cose per avere potere su un’altra persona.

Alcuni dicono: “Cosa vuoi che sia, sono cose da ragazzi”.  Non c’è peggiore giustificazione per minimizzare il fenomeno del bullismo. Leggiamo spesso storie di vessazioni continue, ma quel che finisce sui giornali è una minima parte di quanto accade ogni giorno.

Recenti sondaggi mostrano che in Europa un adolescente su 4 ha avuto almeno una volta a che fare (vittima, spettatore o «carnefice») con questo fenomeno. Intervenire è più che mai importante: il bullismo non ha effetti solo immediati ma si ripercuote anche sulla salute da adulti.

Di nuova generazione è poi il cyberbullismo, una sorta di bullismo on line. Internet ha aperto nuove possibilità per tutti noi. L’altra faccia della medaglia è però rappresentata dai rischi legati ad un uso improprio di questo strumento, come nel caso di cyberbullismo.

Quest’ultimo simile al bullismo, di cui ne condivide in parte la definizione. Quello effettuato on line è infatti anch’esso un atto aggressivo intenzionale, condotto da un individuo o gruppo d’individui, ma si avvale di varie forme di contatto elettronico, ossia diverse modalità offerte dai nuovi media soprattutto social network (Facebook, Twitter…), chat sincrone, forum online, telefonate e messaggi.

Inoltre presenta caratteristiche proprie che lo rendono più pervasivo ed irrefrenabile. Se, infatti, il bullismo tradizionalmente era inteso come una forma di prevaricazione, singola o di gruppo, che implicava il rapporto diretto tra bullo e vittima, nel cyberbullismo i confini sono molto più estesi perché viaggiano attraverso internet.

 

I MODI IN CUI SI REALIZZA

Le modalità specifiche con cui i ragazzi realizzano atti di cyberbullismo sono molte. Alcuni esempi sono:

– messaggi volgari o molesti (flaming)

– pettegolezzi diffusi attraverso messaggi sui cellulari, mail, social network (denigration)

– postare o inoltrare informazioni, immagini o video imbarazzanti (incluse quelle false)

– rubare l’identità e il profilo di altri, o costruendone di falsi, al fine di mettere in imbarazzo o danneggiare la reputazione della vittima

– insultare o deridere vittima attraverso messaggi sul cellulare, mail, social network, blog o altri media;

– minacciare la vittima attraverso un qualsiasi media minando la sua tranquillità

Queste aggressioni possono far seguito a episodi di bullismo (scolastico o più in generale nei luoghi di aggregazione dei ragazzi) o esprimersi solo online.

 

OBIETTIVI E FINALITA’

  • fornire agli studenti gli elementi conoscitivi che definiscono il fenomeno del bullismo
  • fornire gli strumenti necessari per gestire situazioni potenzialmente problematiche e pericolose
  • sviluppare consapevolezza critica su un tema ricorrente e attuale della nostra società


Istituto Paritario S. FreudScuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Fax 02.29408845 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: info@istitutofreud.it

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

INVIA COMMENTO