Le ultime
di Sigmund
Blogger
Ist. Freud
L'occhio
di Freud
SCUOLA SUPERIORE PRIVATA PARITARIA
DECRETO N.388 MITF005006
DECRETO N.1139 MITNUQ500H
DECRETO N.2684 MIPMRI500E
IT EN

Pièce teatrale “Synagosyty” – per tutti gli studenti – ITIS Informatica “S. Freud”

Martedì 9 marzo 2010, tutti gli studenti dell’Istituto Paritario “S. Freud” parteciperanno alla visione dello spettacolo teatrale “SYNAGOSYTY” – di Lucio Diana e Aram Kian,  per la regia di Gabriele Vacis.

Lo spettacolo si terrà presso il “Teatro San Fedele”,  sito in piazza San Fedele, 4 a Milano.

L’opera teatrale, per la complessità e per l’attualità delle tematiche affrontate, si presta a essere un interessante  stimolo per un dialogo con gli adolescenti.

 

TEMI E VALORI TRATTATI NELLA PIECE “SYNAGOSYTY”

SynagoSyty racconta la convivenza tra identità culturali che spesso si contrappongono, è la storia dei nuovi italiani, quelli che hanno genitori stranieri. Scritto a quattro mani con il protagonista della pièce, approfondisce un’analisi della storia contemporanea che abbandona i confini del nostro paese per spingersi agli estremi confini del mondo, in un tempo in cui le barriere politiche e religiose cadono, senza riuscire ad annullare il pregiudizio.
Un testo che è uno stralcio di vita e di memoria e, insieme, uno sguardo al futuro di una società che impara, giorno per giorno, a dare un significato all’aggettivo “multietnica”.

Il padre di Aram, il protagonista di SynagoSyty, è iraniano. SynagoSyty è la periferia di una grande città del nord in cui il padre di Aram è stato catapultato e in cui Aram è nato. Aram Kian è coautore e straordinario protagonista di questo spettacolo che racconta l’infanzia e la giovinezza di questi “nuovi italiani”, sempre in bilico tra incanto, ironia e tragedia.
Divertente e assolutamente autentico, Aram è uno Zanni padano-orientale che racconta le sue sventure con irresistibile comicità, sempre con lucida ironia, qualche volta con legittima rabbia. La sua particolare condizione di uomo senza identità è un problema di bruciante attualità, un problema che riguarda tutti e che Gabriele Vacis propone attraverso una scrittura deliberatamente “leggera”.

Una classica infanzia degli anni Ottanta, vissuta nella periferia industriale di una grande città del Nord, fra tegolini del Mulino Bianco e compagni di scuola strafottenti; una banale adolescenza anni Novanta, condita di musica grunge, cortei studenteschi e serate in discoteca; una comune giovinezza a cavallo del nuovo secolo, fatta di inconcludenti anni universitari e lavoro che non si trova.
Ritratto tipico di un trentenne italiano. Solo che, quando il trentenne in questione si chiama Aram e ha un padre iraniano, le cose si complicano un po’… “Io sono uno di quelli che si riempiono lo zainetto di esplosivo e fanno saltare la metropolitana di Londra… Se uno alto, biondo venisse qui a dirti: ho lo zainetto pieno di bombe… tu ti metteresti a ridere, no?… Ma se te lo dico io? Un brivido ti viene, no? Solo perché sono basso e nero. Che poi non sono neanche tanto nero, al limite un po’ olivastro…

Tematiche affrontate nello spettacolo

chi sono io ↔ come mi vedono gli altri
società che cambia ↔ società chiamata a cambiare
seconde generazioni: nuovi italiani
incontro tra culture ↔ elaborazione delle differenze
pregiudizio/razzismo/luoghi comuni

Apertura a tematiche suggerite

fraternità
il ruolo della scuola
il peso dell’informazione
conflitto identitario
cittadinanza e diritti
inclusione ↔ esclusione
politiche di integrazione
sperimentare le differenze
interculturalità
tensioni, limiti, difficoltà nella convivenza ↔ fascino, opportunità, arricchimento reciproco
migrazione ↔ immigrazione
accoglienza ↔ sfruttamento


Istituto Paritario S. Freud – Scuola Privata Milano: Istituto Tecnico Informatico, Istituto Tecnico Turistico e Liceo delle Scienze Umane
Via Accademia, 26 Milano – Tel. 02.29409829 Virtuale fax 02.73960148 – www.istitutofreud.it
Scuola Superiore Paritaria Milano - Scuola Privata Informatica Milano
Scuola Privata Turismo Milano - Liceo delle Scienze Umane indirizzo Economico Sociale Milano
Contattaci per maggiori informazioni: [email protected]

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *


INVIA COMMENTO